SoleggiatoRoma34°
Parma al centro di un traffico internazionale di droga, maxi blitz contro la ndrangheta4Foto© parma.repubblica.it

Parma al centro di un traffico internazionale di droga, maxi blitz contro la ndrangheta

, 5 notizie, 5 visualizzazioni

Grazie al brokeraggio senza sosta del boss, il latitante 37enne arrestato in Spagna nel 2021 Giuseppe Romeo, Maluferro, della 'ndrina Staccu di San Luca, la droga, direttamente dai cartelli di produzione sudamericani, giungeva nei porti dell'Europa settentrionale, in particolare Anversa e Rotterdam, per essere poi distribuita in tutta Europa.

La gestione del mercato italiano era affidata a "funzionari" calabresi da anni residenti nel parmense e nel reggiano, (solo) lontani parenti dei loro colleghi protagonisti di Aemilia: grazie a basi logistiche dislocate in varie regioni (Calabria, Lazio e Lombardia), e grazie a corrieri e imprese compiacenti anche nel territorio modenese, tutti erano in grado di occuparsi dei traffici illeciti della cosca in tutta la penisola. E lo facevano "con indiscussa professionalità e disinvoltura".

Gli arresti riguardano le province di Bologna, Reggio Emilia, Modena, Parma, Milano, Cremona, Brescia, Pavia, Livorno, Roma, Foggia, Potenza, Crotone e Reggio Calabria, tutti a carico di persone appartenenti a un'associazione a delinquere composta da italiani appartenenti o contigui alla 'ndrangheta reggina e crotonese, specializzata appunto nel traffico internazionale di cocaina, hashish e marijuana.