Pioggia leggeraRoma15°
Atletica, le donne transgender escluse dalle gare femminili3Foto© lastampa.it

Atletica, le donne transgender escluse dalle gare femminili

, 4 notizie, una visualizzazioni

La decisione della federazione mondiale di atletica: «Vale per chi ha già attraversato la pubertà maschile». Cambiano anche le regole per gli atleti con «disordine dello sviluppo sessuale». Restano esclusi russi e bielorussi

La federazione mondiale di atletica leggera ha escluso le donne transgender dalle competizioni femminili internazionali. Il divieto, e questa è la novità più rilevante, riguarda coloro che hanno già attraversato la pubertà maschile. «Il Consiglio ha accettato di escludere, a partire dal 31 marzo, gli atleti transgender che hanno vissuto la pubertà maschile e hanno completato la transizione da uomo a donna», le parole del presidente della federazione dell’atletica mondiale Sebastian Coe. Ammesse, dunque, le atlete che hanno iniziato la fase di transizione di genere prima dello sviluppo.

Una scelta forte, dettata dai consulti con Cio e federazioni nazionali e dalla necessità «di proteggere la categoria femminile», ha spiegato Coe. «Le evidenze scientifiche relative al fatto che i transgender non abbiano considerevoli vantaggi rispetto alle donne biologiche — ha aggiunto Coe — sono insufficienti per poter permettere loro di gareggiare.