SoleggiatoRoma34°
Bce: tassi restrittivi finché necessario, inflazione resta troppo alta3Foto© repubblica.it

Bce: tassi restrittivi finché necessario, inflazione resta troppo alta

, 5 notizie, una visualizzazioni

Milano, 19 maggio 2023 – Tassi più alti e più a lungo. Si può riassumere così l’ultimo bollettino economico della Banca centrale europea. Chi si aspettava una fine della stretta monetaria già quest’anno resterà deluso. L’inflazione infatti continua a mordere il potere d’acquisto delle famiglie ed è ancora sideralmente lontana dall’obiettivo perseguito da Francoforte, quel 2% nel medio periodo in cui si sostanzia il mandato della Bce di mantenere la stabilità dei prezzi.

Ad aprile, secondo la stima preliminare dell’Eurostat, l’inflazione si è attestata al 7%, in vistoso calo dall’8,5% di febbraio ma in leggero rialzo dal 6,9% di marzo. Considerando che quella al netto di energia e alimentari è ancora al 5,6%, ai livelli di febbraio, è ancora presto per mettere in pausa la stretta sul costo del denaro, che da luglio dell’anno scorso è aumentato di 375 punti base, un record per velocità e ampiezza da quando è nato l’Euro.

E dunque i rialzi proseguiranno. “Le decisioni future del consiglio direttivo” si legge nel bollettino Bce, “assicureranno che i tassi di riferimento siano fissati a livelli sufficientemente restrittivi da conseguire un ritorno tempestivo dell'inflazione all'obiettivo del 2% nel medio termine e siano mantenuti su tali livelli finché necessario”.