Roma14°
“Nessuna reazione emotiva o sentimento intenso può giustificare un femminicidio”7Foto© fanpage.it

“Nessuna reazione emotiva o sentimento intenso può giustificare un femminicidio”

, 12 notizie, una visualizzazioni

"Le sentenze dei giudici si possono discutere. Anzi, in tutte le democrazie avanzate il dibattito pubblico si nutre anche di questa discussione. L'importante è il rispetto dei ruoli e, in particolare, la tutela dell'autonomia della magistratura", ha scritto su Facebook il presidente del Consiglio.

"Negli ultimi giorni continua - sui giornali abbiamo letto di sentenze per episodi di femminicidio nelle quali si è tirata in ballo una presunta reazione 'emotiva' e la relativa intensità, ai fini di un'attenuazione della pena. Si è fatto riferimento ad una 'tempesta emotiva', ad un sentimento 'molto intenso, non pretestuoso, né umanamente del tutto incomprensibile'.

In realtà per cogliere appieno e criticare il significato di una sentenza occorrerebbe una specifica competenza tecnica. Ma vi è un aspetto di più ampia portata culturale, che riguarda il dibattito pubblico, e su cui la politica può e anzi deve legittimamente intervenire.