Roma16°
Inchiesta sulla Lombardia Film Commission, i pm: i commercialisti della Lega “infiltrati” nei piani alti della politica2Foto© ilfattoquotidiano.it

Inchiesta sulla Lombardia Film Commission, i pm: i commercialisti della Lega “infiltrati” nei piani alti della politica

, 5 notizie, una visualizzazioni

“Fibrillazioni ai piani alti della politica”. Il pm Stefano Civardi e il procuratore aggiunto di Milano Eugenio Fusco lo scrivono nella richiesta d’arresto che ha portato ai domiciliari Alberto Di Rubba, ex presidente della Lombardia Film Commission e direttore amministrativo della Lega al Senato, Andrea Manzoni, revisore contabile per il Carroccio alla Camera, l’altro commercialista Michele Scillieri e suo cognato Fabio Barbarossa, nell’ambito dell’inchiesta sulla compravendita di un capannone alla Lombardia Film Commission.

Un’indagine che si intreccia ed è parallela a quella che a Genova hanno portato i pm a indagare per riciclaggio.

Secondo quanto riporta l’Ansa nel documento presente nel fascicolo con altre migliaia di pagine di atti gli inquirenti milanesi, chiedendo la misura al giudice per le indagini preliminari, gli inquirenti ragionano: se per “le reazioni alle contestazioni disciplinari di un direttore di filiale compiacente“, quello della Ubi di Seriate (Bergamo), i contabili della Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni “raggiungono subito i piani altissimi della politica a Roma nelle giornate del 26 e 27 maggio, allora è facilmente immaginabile la reazione e la capacità di inquinamento probatorio di persone tanto infiltrate nelle istituzioni”.