Roma16°
Coronavirus, Rider in rivolta: stop consegne a domicilio, salute a rischio© ilfattoquotidiano.it

Coronavirus, Rider in rivolta: stop consegne a domicilio, salute a rischio

, 4 notizie, una visualizzazioni

L’emergenza coronavirus si abbatte anche sui rider, i fattorini che in bici e in motorino consegnano a casa il cibo ordinato sulle piattaforme on line. Lavoratori autonomi pagati a consegna, senza garanzie e tutele. In Italia si stima che siano circa 20mila.

«Noi ci fermiamo. Invitiamo i rider ad astenersi dal servizio fino a tutta la durata delle ordinanze restrittive!», è il messaggio lanciato sui social da alcuni collettivi, tra cui Deliverance Milano, che chiedono a tutti i colleghi di interrompere l’attività visto che le misure di emergenza varate dal governo per contenere il contagio consentono di continuare a fare le consegne.

Secondo i ciclofattorini infatti le prescrizioni di sicurezza «non sono possibili da rispettare per le app del food delivery». «Sentiamo la necessità di dire che la nostra vita e la nostra salute valgono più di una pizza, di un sushi, di un panino», scrivono ancora invitando anche i «consumatori a non ordinare: pensiamo al necessario, alla nostra salute, alla nostra vita».