Roma
Una bugia ha costretto al lockdown 1,7 milioni di australiani2Foto© ilfattoquotidiano.it

Una bugia ha costretto al lockdown 1,7 milioni di australiani

, 4 notizie, 3 visualizzazioni

Una bugia raccontata dal dipendente di una pizzeria, uno spagnolo di 36 anni contagiato dal Covid-19, ha fatto scattare un lockdown nell’intera regione del South Australia che ha coinvolto circa 1 milione e 700mila abitanti e che altrimenti sarebbe stato evitato.

Il confinamento restrittivo era partito mercoledì nella capitale Adelaide e in tutto lo stato dopo la conferma di 36 casi, inclusi i primi locali registrati da aprile. L’autore della bugia aveva raccontato agli agenti incaricati di tracciare i suoi contatti di essersi recato in pizzeria, il Woodville Pizza Bar, come cliente, per comprarsi una pizza. Invece lui era un dipendente del locale.

E la differenza non è da poco per chi si occupa di tracciamenti.

L’informazione scorretta infatti ha spinto i funzionari sanitari a presumere che l’uomo avesse contratto il virus durante un lasso di tempo molto breve e che, pertanto, nel Woodville Pizza Bar si fosse formato un cluster di contagi all’origine di molti altri casi ancora da rilevare, un motivo valido, insomma, per decretare il lockdown.