Roma14°
Toni shock: rapinato in casa e minacciato con la pistola3Foto© corrieredellosport.it

Toni shock: rapinato in casa e minacciato con la pistola

, 7 notizie, 4 visualizzazioni

Bologna - «La cosa che conta di più è che la mia famiglia sta bene, non ci hanno fatto del male pur avendo subito un bel trauma e un forte spavento». Il centravanti della nazionale di calcio campione del mondo nel 2006, Luca Toni, racconta così sul suo profilo Instragram la brutta serata vissuta giovedì insieme alla sua famiglia, quando tre persone, a volto coperto, armate di pistola, sono entrate nella villa di Castelnuovo Rangone (Modena) dell'ex calciatore.

Un colpo studiato, che ha visto poi i banditi fuggire con auto scura di grossa cilindrata, portandosi dietro una decina di orologi e un migliaio di euro.

«Dispiace anche il fatto che i malviventi abbiano portato via beni preziosi, ma soprattutto affettivi - ha spiegato ancora l'ex bomber di Palermo, Fiorentina e Bayern Monaco - a seguito della rapina sono intervenute le forze dell'ordine, probabilmente chiamate dai vicini insospettiti da una macchina in movimento nella mia via. La vigilanza non si è accorta di nulla».