Regeni, Fico al Cairo: ‘Giulio morto per la seconda volta a causa dei depistaggi. Siamo a punto di stallo, ora servono fatti’
Foto: www.adnkronos.com

Regeni, Fico al Cairo: ‘Giulio morto per la seconda volta a causa dei depistaggi. Siamo a punto di stallo, ora servono fatti’

6 notizie, 2

Ad Abdel Fattah Al Sisi “ho detto che Giulio Regeni è come se fosse morto per la seconda volta perché ci sono stati dei depistaggi“. Perciò “bene le parole, ma adesso devono seguire i fatti”, perché sulla questione “siamo a un punto di stallo”. Al termine dell’incontro avuto al Cairo con il presidente egiziano Roberto Fico ribalta la narrativa rassicurante utilizzata finora dalle istituzioni sulla morte del ricercatore di Fiumicello, trovato cadavere sulla strada che collega la capitale egiziana ad Alessandria il 3 febbraio 2016.

“Ho appena finito l’incontro con il presidente Al-Sisi e c’è stato solo un punto all’ordine del giorno che è la questione di Giulio Regeni – ha detto il presidente della Camera al termine del faccia a faccia – sono venuto qui perché siamo a un punto di stallo. Le due procure hanno lavorato insieme, la procura di Roma ha fatto un lavoro eccezionale e ha indizi, elementi e novità importanti e ha consegnato tutto alla procura del Cairo però ho detto al presidente Al-Sisi, nell’autonomie delle magistrature, che stiamo a un punto di stallo“.

“Io spero che ci siano soluzioni immediate e che inizi un vero processo”, ha proseguito Fico. “Bene le parole bene gli impegni ma adesso devono seguire i fatti”, ha aggiunto. “Il mio messaggio credo sia stato chiaro: è tutto importante, la stabilizzazione dell’area è fondamentale, ma siamo a qui a dire – ha ribadito ...

    Leggere sul ilfattoquotidiano.it