Casa della madre di Taverna (M5s), la senatrice: mamma esercita un diritto
Foto: www.lastampa.it

Casa della madre di Taverna (M5s), la senatrice: mamma esercita un diritto

5 notizie, 2

“Mia madre ha il diritto di morire dove ha vissuto”. Una signora di 80 anni che non vuole andarsene dalla casa popolare di periferia che le fu assegnata 24 anni fa. Anche se nel frattempo le figlie si sono fatte la loro vita e oggi potrebbero anche metterle a disposizione un appartamento più confortevole. Storie all’ordine del giorno nella Roma che “nun è quella ‘ndo se viveva tant’anni fa”, come cantava Claudio Villa, ma che balzano agli onori della cronaca specie se una delle figlie, nel frattempo, è diventata senatrice e personaggio di spicco del suo partito.

L’ITER PER LA DECADENZA

Ci ha messo 3 anni esatti l’Ater di Roma – azienda controllata dalla Regione Lazio – ad inviare al Comune tutti gli atti necessari a cui è seguito, dal Campidoglio, il provvedimento di decadenza a Graziella Bartolucci. La mamma della senatrice del M5S, Paola Taverna, probabilmente fra qualche mese sarà costretta a lasciare l’appartamento Ater della borgata Quarticciolo assegnatole nel 1994 e che fino al 2012 risultava abitato dalla stessa signora Graziella, dalla figlia Paola e dal nipotino Davide.

Questo perché oggi Paola Taverna è proprietaria di 4/6 di un immobile a Olbia, ‘partecipato’ anche dalla stessa madre, nonché di un locale commerciale su via Prenestina e, soprattutto, un appartamento a Torre Angela (altra borgata romana) dove, secondo gli ispettori Ater, potrebbe tranquillamente po...

Leggere sul ilfattoquotidiano.it