Roma

Nike sotto indagine Ue in Olanda

Nike sotto indagine Ue in Olanda2Foto© adnkronos.com

Nike sotto indagine Ue in Olanda

, 4 notizie, 3 visualizzazioni

Dopo Apple, Amazon, Starbucks e Ikea, anche la Nike finisce nel mirino dell’antitrust europeo per il suo schema aziendale «creativo» che le ha consentito di eludere il fisco, aiutata da accordi con l’Olanda. Si tratta dei famosi «tax ruling», accordi fiscali che non sarebbero vietati se garantissero un trattamento equo a tutte le altre aziende.

Ma nel caso di Apple in Irlanda, Starbucks in Olanda, e Fiat, Amazon e McDonald in Lussemburgo, tali intese hanno invece portato le aziende a pagare meno tasse, godendo quindi di un aiuto di Stato illegale che la Commissione Ue ha poi chiesto ai Governi di recuperare. La Nike è ora l’ultimo caso su cui l’Europa ha aperto un’indagine formale.

La modalità con cui operano le multinazionali per ridurre il proprio carico fiscale, è più o meno sempre la stessa. La società si divide in diverse entità che cercano di spostare i profitti tra di loro, allo scopo di ridurre la base imponibile nel Paese dove è fiscalmente assoggettata. L’Ue basa la sua azione sulle rivelazioni dello scandalo «Paradise Papers», che ha portato alla luce una montagna da 13,4 milioni di documenti alzando il velo su regimi fiscali di favore concessi alle multinazionali.