Roma32°
La Svezia ammette i limiti della linea soft contro il Covid3Foto© huffingtonpost.it

La Svezia ammette i limiti della linea soft contro il Covid

, 7 notizie, una visualizzazioni

Troppe persone hanno perso la vita a causa del coronavirus in Svezia. Ad ammetterlo, in un'intervista alla radio pubblica svedese, Anders Tegnell, l'epidemiologo consulente del governo di Stoccolma che ha suggerito di adottare una strategia "soft" contro il covid-19. Nel Paese scandinavo, che ha una popolazione di 10 milioni di abitanti, il virus ha ucciso 4.542 persone. Numeri ben peggiori rispetto a quelli fatti registrare dal paesi più vicini che hanno adottato un severo lockdown: in Norvegia, infatti, i decessi sono stati 237; in Finlandia 321; in Danimarca 580.

Di fronte a questi numeri Anders Tegnell ha ammesso che la strategia attuata non è stata probabilmente la più oculata: "Se incontrassimo oggi la stessa malattia per come l’abbiamo conosciuta finora, penso che adotteremmo tutti un approccio a metà strada tra quello della Svezia e quello del resto del mondo", ha detto, salvo aggiungere che oggi non è possibile sapere con certezza quali misure sono state al momento più efficaci.

L'opinione pubblica del paese tuttavia è molto critica nei confronti del governo tanto che il primo ministro Stefan Lofven due giorni fa, sotto la crescente pressione delle opposizioni, ha assicurato che prima dell'estate verrà lanciata un'inchiesta su come è stata gestita l'epidemia di Covid-19.