Irlanda, sì alla legalizzazione dell'aborto
Foto: www.lapresse.it

Irlanda, sì alla legalizzazione dell'aborto

6 notizie, 4

Per la cattolicissima Irlanda, è un mutamento culturale di grandi proporzioni, ancora più rilevante della consultazione popolare del 2015 che disse sì ai matrimoni gay. Secondo gli exit poll pubblicati dall'Irish Times, il 68% dei votanti si è espresso per il sì al referendum sulla legalizzazione dell'aborto, contro il 32% di sfavorevoli. Tra i tre milioni chiamati alle urne, l'affluenza è stata alta, fino al 70% in alcune località, e il 'sì' ha registrato un dato del 75% a Dublino.

Nel quesito referendario veniva chiesto se si desiderasse l'abrogazione di un articolo della Costituzione, meglio noto come ottavo emendamento, aggiunto nel 1983,. Cosa prevedeva la vecchia normativa L'articolo rende praticamente sempre illegale l'aborto, senza alcuna eccezione neppure in casi estremi come lo stupro, l'incesto o le malformazioni del feto. L'aborto è consentito solo laddove fosse in pericolo la vita della donna, un'unica eccezione che deriva dal Protection of Life During Pregnancy Act, un legge approvata solo nel 2013 in seguito all'ondata di pubblica indignazione per la morte nel 2012 di una donna incinta, alla quale era stato rifiutato un aborto.

La promessa di Varadkar Attualmente in Irlanda chiunque procuri o aiuti una donna a procurarsi un aborto, al di fuori dei ristrettissimi confini dell'attuale legge, rischia una condanna fino a 14 anni di carcere. Vengono invece tollerat...

    Leggere sul agi.it