Argentina, il senato boccia la legalizzazione dell'aborto
Foto: www.lapresse.it

Argentina, il senato boccia la legalizzazione dell'aborto

6 notizie, 2

L’esito della votazione del Senato argentino è stato incerto fino alla fine. Ancora a poche ora dalla decisione, l’aula era spaccata in due con gli antiabortisti apparentemente in leggero vantaggio, con 37 senatori dalla loro parte su 72. Il fronte del sì pareva poter contare invece su 31 preferenze. Decisivi alla fine sono stati i pochi rimasti incerti incerti fino all’ultimo minuto. E ha vinto il fronte del no, la legge non è passata.

+++ Argentina: il Senato boccia il progetto di legge sulla legalizzazione dell’aborto +++ https://t.co/W5ZZ9sJNyN pic.twitter.com/JgI7mXr05l — RSI News (@RSInews) 9 agosto 2018 Al di là della disciplina di partito Del resto la stessa scena si era verificata alla Camera lo scorso 14 giugno, in occasione dell’approvazione da parte del primo ramo del parlamento della legge che avrebbe fatto dell’Argentina il terzo paese sudamericano a legalizzare l’interruzione volontaria della gravidanza, entro la quattordicesima settimana, dopo Cuba e Uruguay.

Due mesi fa il confronto tra io deputati fu particolarmente acceso, andando oltre il rispetto della disciplina di partito, ed alla fine il provvedimento venne approvato con una maggioranza non certo schiacciante: 129 a favore, 125 contro un astenuto. Messe contro fazzoletti verdi Il voto definitivo si è svolto mentre all’esterno del Palazzo ed in tutta Buenos Aires si alternavano le manifestazioni di ent...

    Leggere sul agi.it