Roma10°
Conte ha chiesto a Salvini di chiarire i suoi incontri con Savoini e 007 russi2Foto1Video© ilfattoquotidiano.it

Conte ha chiesto a Salvini di chiarire i suoi incontri con Savoini e 007 russi

, 8 notizie, una visualizzazioni

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parla chiaro: "Non ho mai interloquito con Barr e Trump" sulla vicenda Russiagate. La prima richiesta di Barr, tramite canali diplomatici, sull'operato dell'intelligence Usa in Italia, arrivò a giugno 2019 e si riferiva a fatti della primavera-estate 2016 e richieste sul professore maltese Mifsud. "Ho riferito solo oggi al Copasir, perché prima non c'era il Presidente del Comitato parlamentare. Gli Usa hanno acclarato che l'intelligence italiana è estranea alla vicenda".

Conte su Salvini non usa mezzi termini: "Rimango sorpreso quando Matteo Salvini pontifica sulla questione Barr. Sono andato ad agosto al Senato a riferire al suo posto, non avendo informazioni da lui, nonostante gli sia pervenuta una richiesta scritta in tal senso dal suo Presidente del Consiglio. Lui non mi rispose. Qui non c'è responsabilità istituzionale.

Forse Salvini dovrebbe chiarire cosa ci faceva con Savoini in incontri riservati da ministro dell'Interno in Russia con le massime autorità russe. Lui ha incontrato in Russia il ministro dell'Interno, i responsabili dell'intelligence russa, portandosi appresso Savoini, che non ha alcun ruolo. Lo dovrebbe chiarire, innanzitutto agli elettori della Lega".