Berlusconi: «Deneuve ha detto cose sante, fare la corte non è un’offesa. Maroni? Vuole lasciare la politica»
Foto: www.lapresse.it

Berlusconi: «Deneuve ha detto cose sante, fare la corte non è un’offesa. Maroni? Vuole lasciare la politica»

10 notizie, 3

«Catherine Deneuve ha detto cose sante». Lo afferma Silvio Berlusconi a Porta a Porta commentando la lettera-appello dell’attrice francese in cui scrive: «Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci» sul caso Weinstein. «È naturale - prosegue l’ex premier - che le donne siano contente che un uomo gli faccia la corte, a me sono sempre le donne che la fanno. Mi sembra naturale, non è un’offesa fare la corte purché resti nell’eleganza».

Berlusconi ha parlato anche a ruota libera di politica interna ed estera, dell’emergenza migranti, di tasse. A proposito delle liti nel centrodestra per esempio, e della decisione di Roberto Maroni di lasciare la politica per i dissensi con Salvini, l’ex cavaliere ha commentato: «Mi sembra strano, perché a me aveva detto che lasciava la politica perché voleva cambiare vita. Non ho mai sentito parlare di dissensi radicali con Salvini».

Recentemente il governatore lombardo ha parlato di «comportamento stalinista» da parte di Salvini.

    Leggere sul corriere.it