Toti scuote ancora Forza Italia, e spunta l'ipotesi di un nuovo soggetto sovranista

Rimane ancora in Forza Italia? "Se c'è ancora, se me la trovate". Quella di Giovanni Toti voleva essere solo una battuta ma ha irritato non poco tutto lo stato maggiore azzurro. "Una frase infelice", taglia corto Mariastella Gelmini; "Si lamenta da tre anni ormai. Se avesse dato un contributo avremmo avuto due braccia e due gambe in più per scalare la montagna", la reazione di Mara Carfagna.

Il partito sembra essere sempre più una polveriera. Spaccato in diversi tronconi, tra chi guarda alla Lega, chi ad un progetto di responsabilità nazionale, chi si lamenta per le "solite facce in tv" e per un partito "che deve smetterla di stare in panchina". Fibrillazioni, mal di pancia soprattutto da coloro i quali - spiega un 'big' forzista - si sentono esclusi dalla 'ristrutturazione' portata avanti da Antonio Tajani.

Il vicepresidente azzurro insieme a Berlusconi sta limando il piano per il cambio dei coordinatori regionali che nelle intenzioni non dovranno essere più parlamentari. Ma si guarda soprattutto alle mosse del governatore della Liguria che sabato dovrebbe essere a Milano per un convegno - presente anche il leghista Giorgetti - organizzato da Fdi. Il progetto è quello di costituire un nuovo soggetto 'sovranista' che si affianchi al Carroccio e che unisca "nel centrodestra tutti quelli che non sono leghisti", spiega uno degli organizzatori della kermesse, "possiamo arrivare ...

Leggere sul agi.it