Propaganda fascista, la proposta di legge Fiano è incostituzionale?

Nello stesso giorno in cui al Senato non si raggiungono i numeri necessari per portare avanti la legge sul cosiddetto Ius soli, alla Camera passa invece con 261 voti la legge che introduce il reato di «propaganda del regime fascista». Da un lato, o meglio, in un ramo del Parlamento viene approvata una legge su cui in maniera abbastanza agevole le forze politiche di sinistra possono alzare una bandiera e rivendicarne il successo; ma, guarda caso, nello stesso giorno, nell’altro ramo viene accantonato l’iter legislativo tanto osteggiato nel lato destro degli emicicli di Camera e Senato.

Win-win, si potrebbe dire, tutti contenti: Emanuele Fiano, primo firmatario, gioisce per la prima approvazione e passa la palla al Senato per la seconda lettura; il centrodestra, invece, ricorda alle altre forze politiche ed in primis al Partito Democratico che una battaglia sullo Ius soli non conviene a nessuno in vista della prossima campagna elettorale.

Leggere sul ilfattoquotidiano.it