La Cina dice stop e l'Europa rischia di essere sommersa da rifiuti riciclabili

La Cina sta procedendo verso il blocco dei rifiuti riciclabili in arrivo dall'Europa. Secondo quanto riporta 'Il Sole 24 Ore', il Vecchio Continente si starebbe intasando con tonnellate e tonnellate di plastiche, vetri, carta straccia che il mercato europeo sarebbe troppo piccolo per riciclare e che la Cina non intende più assorbire come prima. Nel 2016, i produttori cinesi e di Hong Kong avevano importato dai Paesi industrializzati - tra cui Europa, Usa e Giappone - 7,3 milioni di tonnellate di rifiuti plastici, pari al 70% dei rifiuti plastici raccolti e selezionati.

La situazione non sarà facilmente gestibile, se si considera che in Europa si è registrato ormai il sorpasso del riciclo sull’avvio a discarica per i rifiuti plastici. "Il risultato - ragguaglia il sito Polimerica.it - è rivendicato dall’associazione dei produttori europei di materie plastiche PlasticsEurope, che cita i dati contenuti in uno studio commissionato a Conversio Market & Strategy (“Post-consumer Plastic Waste Management in the EU28 + Norway and Switzerland in 2016”)".

Nel 2016 oltre 27 milioni di tonnellate di plastiche post-consumo sono state raccolte a livello europeo (UE + Svizzera e Norvegia), con un incremento del 5% rispetto al 2014. Di queste il 41,6% sono state avviate a termovalorizzazione, il 31,1% riciclate per via meccanica e solo il 27,3% è stato avviato a discarica, pari a circa 9 mil...

Leggere sul agi.it