Juncker: "Europa ha di nuovo vento in poppa. Italia ha salvato onore Ue in Mediterraneo"

"E' il momento di costruire un'Europa più unita, più forte e più democratica". Così il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, nel suo discorso sullo stato dell'Unione, durante la sessione plenaria del Parlamento europeo, a Strasburgo.

"L'Europa ha di nuovo il vento in poppa, abbiamo ripreso slancio. Le prospettive economiche sono migliorate, siamo al quinto anno di una ripresa economica che finalmente si fa sentire in ogni Stato membro. La disoccupazione è ai livelli più bassi da nove anni".

OMAGGIO ALL'ITALIA. "Vorrei rendere omaggio all'Italia per sua perseveranza e generosità" sulla gestione dei flussi di migranti. Junkcer ha sottolineato, in un passaggio del suo intervento: "Quest'estate ho lavorato con il amico, il premier italiano Paolo Gentiloni, e con il suo governo perché nel Mediterraneo l'Italia deve salvare l'onore dell'Europa".

INTENSIFICAZIONE RIMPATRI. "L'Europa non è non sarà mai una fortezza, sarà sempre il continente della solidarietà". E ha spiegato: "Le persone che non hanno il diritto di soggiornare in Europa devono tornare nel loro Paese di origine". Il presidente della Commissione Europea ha annunciato un'iniziativa per "intensificare i rimpatri". Oggi "solo il 36% dei migranti in situazione irregolare" vengono rimpatriati: "Dobbiamo intensificare significativamente la nostra azione", ha detto.

Per Juncker "solo in questo modo che l...

Leggere sul lapresse.it