Il duello durato mesi tra Ilaria Cucchi e Matteo Salvini

Chissà se le scuse arriveranno mai, anche se oggi Ilaria Cucchi le ha chieste esplicitamente. Intanto Matteo Salvini ha dovuto abbandonare i toni liquidatori, o peggio, con cui finora ha affrontato non solo il caso della morte di Stefano Cucchi, ma anche le richieste della famiglia di questi di avere la verità. Il leader leghista, oggi ministro dell’Interno, e la giovane donna che non si è stancata un giorno di pretendere di sapere cosa fosse successo al fratello, si sono scontrati più volte negli ultimi mesi.

L’una postando su Facebook le foto dei militari sospettati di aver partecipato a vario titolo a quegli avvenimenti, l’altro replicando con tweet e post. Usando anche parole molto forti. E Salvini evocò Calabresi Il 5 gennaio scorso la foto di un carabiniere indagato per la morte di Stefano Cucchi, pubblicata da Ilaria sul suo profilo, scatena la reazione Matteo Salvini. “È un post che mi fa schifo.

Mi ricorda tanto il documento contro il commissario Calabresi", dice l’allora segretario federale della Lega Nord. "Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello, ma mi fa schifo", "si dovrebbe vergognare" aggiunge. Salvini rievoca il clima dei primi anni '70 contro il commissario Calabresi, ucciso al culmine di una campagna di odio per la morte sospetta di un anarchico, Giuseppe Pinelli, all’interno della Questura di Milano: "La storia - spiega - dovrebbe insegn...

Leggere sul agi.it