Roma

AimaD, il trapper buono che nei testi non parla di droga e sesso

0 visualizzazioni

Roma, 12 feb. (askanews) -Un trapper buono dal viso pulito. Damiano Bonaventura Casicci, di Terni, classe 2000, in arte AimaD, pubblica "Rolling stone", brano che anticipa l'album d'esordio "La follia dell'esistere". La trap nel lavoro di AimaD è nel sound, ma nei testi nessun richiamo a violenza, soldi e droga.

"Metto me stesso su un foglio. Non ho esperienze di soldi, non faccio una vita di lusso, non ho problemi di droghe, non c'è criminalità nella mia città, non c'è molto da raccontare su questo".